Studio Odontoiatrico Dr. Andrea Cinquerrui
Master II livello "Riabilitazione Orali Complesse"
Ordine dei Medici di Catania nr. 1128

  • DENTISTI
  • igiene dei denti
  • odontoiatria
  • chirurgia estetica
  • cura e igiene dei denti

PROTESI

L'eventuale perdita di un dente, anche di uno solo, implica variazioni a carico di tutto l'apparato masticatorio; queste variazioni tendono a divenire ogni giorno più evidenti soprattutto più difficilmente risolvibili con il passare del tempo.

L'obiettivo di ripristinare elementi dentali perduti o mancanti.

Ogni elemento perso va sostituito; secondo il caso si ricorre a protesi dentarie, queste hanno il compito di riabilitare le funzioni orali dei pazienti mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali.

Alcuni tipi d’interventi protesici possono essere utilizzati per correggere anomalie estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali.
Nello studio del Dott. Cinquerrui si Affrontano la riabilitazione protesica convenzionale con l'attenzione dovuta a un intervento delicato, riservandole le più moderne tecniche disponibili, mediante dispositivi medici prodotti nel laboratorio odontotecnico su indicazione dell'Odontoiatra

Un piano di terapia ideale deve prendere in considerazione un accurato esame della struttura dei denti residui per valutare se essi hanno bisogno di essere trattati da un punto di vista restaurativo e soprattutto se possano costituire un valido pilastro per la riabilitazione protesica. I restauri, fabbricati in laboratorio, hanno l il compito di ristabilire una morfologia e un contorno degli elementi dentali tali da soddisfare sia le esigenze estetiche sia quelle funzionali del paziente.

Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:

  • Protesi mobile: ogni tipo di dispositivo medico protesico rimovibile, dalla protesi totale (dentiera), agli scheletrati (particolari protesi parziali rinforzate da uno "scheletro" di metallo, mantenuto in posizione tramite dispositivi di ancoraggio ai denti residui), fino alle protesi mobili parziali, che sono solitamente utilizzate per la sostituzione immediata di elementi estratti in attesa della guarigione dell'osso e delle gengive. Oltre a ristabilire il sorriso, la masticazione e in generale le normali funzioni della bocca, tra i vantaggi che contano le protesi mobili sia quelle totali che quelle parziali, vi è quello della semplicità alla pulitura ed all'igiene domiciliare quotidiana, sia della protesi che del cavo orale. Inoltre, sono economicamente più modeste rispetto ad una protesi fissa.
  • Protesi fisse: sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili. Si tratta di faccette, corone (sostituti artificiali di un solo dente) e ponti (sostituiti di più elementi dentari) fissato sui denti preparati a moncone o su impianti inseriti nell'osso. Si distingue dalle protesi dentarie mobili per l'impossibilità di rimuovere la protesi dal cavo orale poiché cementata ai denti naturali del paziente.

Il clinico può ricorrere a varie modalità riabilitative: dalle più semplici, come la protesi rimovibile ad appoggio mucoso, a quelle più complesse, come la riabilitazione fissa con corone che ricoprano i monconi naturali.

Naturalmente nella nostra bocca non è presente il metallo. Perché utilizzarlo quando sono disponibili materiali con caratteristiche di durezza e resistenza paragonabili al dente naturale e dotati di una migliore biocompatibilità?
I materiali messi a disposizione dalla ricerca e resi oggi disponibili con le nuove tecnologie a supporto delle metodiche riabilitative classiche, rappresentano la più recente innovazione in odontoiatria protesica.

Questi materiali, oltre alla garanzia di durata, offrono il vantaggio di emulare il colore e la luminosità del dente al punto di essere indistinguibili dal dente naturale e soprattutto di essere estremamente biocompatibili.

L'assenza di metalli nelle protesi metal-free permette di rispettare i tessuti circostanti evitando l'effetto di colorazione e di retrazione delle gengive, facilita l'integrazione e favorisce la crescita del tessuto gengivale conferendo al restauro un aspetto più naturale, in armonia con i tessuti circostanti.

In qualsiasi riabilitazione protesica, sia limitata ad un settore del cavo orale, che estesa alla bocca intera, risulterà di importanza fondamentale per il mantenimento nel tempo dei restauri realizzati, un periodico e scrupoloso monitoraggio della riabilitazione eseguita, così come un attento e sistematico controllo dell’igiene orale del paziente.

Gli enormi progressi dell'odontoiatria abbinata a professionisti e tecnici che investono centinaia di ore all'anno in aggiornamenti ci permettono di proporre tutte le soluzioni necessarie per avere pazienti sani e felici.

In caso di perdita di uno o più denti, fino a casi di riabilitazione complessa, siamo in grado di fornire soluzioni personalizzate in base alle tue esigenze e aspettative. Nello studio del Dott. Cinquerrui sono presenti professionisti assolutamente all'avanguardia nel riabilitare le bocche dei pazienti con protesi mobili.

IMPLANTOLOGIA

L'eventuale perdita di un dente, anche di uno solo, implica variazioni a carico di tutto l'apparato masticatorio; queste variazioni tendono a divenire ogni giorno più evidenti soprattutto più difficilmente risolvibili con il passare del tempo.

L'obiettivo di ripristinare elementi dentali perduti o mancanti.

Ogni elemento perso va sostituito; secondo il caso si ricorre a protesi dentarie, queste hanno il compito di riabilitare le funzioni orali dei pazienti mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali.

Alcuni tipi d’interventi protesici possono essere utilizzati per correggere anomalie estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali.
Nello studio del Dott. Cinquerrui si Affrontano la riabilitazione protesica convenzionale con l'attenzione dovuta a un intervento delicato, riservandole le più moderne tecniche disponibili, mediante dispositivi medici prodotti nel laboratorio odontotecnico su indicazione dell'Odontoiatra

Un piano di terapia ideale deve prendere in considerazione un accurato esame della struttura dei denti residui per valutare se essi hanno bisogno di essere trattati da un punto di vista restaurativo e soprattutto se possano costituire un valido pilastro per la riabilitazione protesica. I restauri, fabbricati in laboratorio, hanno l il compito di ristabilire una morfologia e un contorno degli elementi dentali tali da soddisfare sia le esigenze estetiche sia quelle funzionali del paziente.

Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:

  • Protesi mobile: ogni tipo di dispositivo medico protesico rimovibile, dalla protesi totale (dentiera), agli scheletrati (particolari protesi parziali rinforzate da uno "scheletro" di metallo, mantenuto in posizione tramite dispositivi di ancoraggio ai denti residui), fino alle protesi mobili parziali, che sono solitamente utilizzate per la sostituzione immediata di elementi estratti in attesa della guarigione dell'osso e delle gengive. Oltre a ristabilire il sorriso, la masticazione e in generale le normali funzioni della bocca, tra i vantaggi che contano le protesi mobili sia quelle totali che quelle parziali, vi è quello della semplicità alla pulitura ed all'igiene domiciliare quotidiana, sia della protesi che del cavo orale. Inoltre, sono economicamente più modeste rispetto ad una protesi fissa.
  • Protesi fisse: sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili. Si tratta di faccette, corone (sostituti artificiali di un solo dente) e ponti (sostituiti di più elementi dentari) fissato sui denti preparati a moncone o su impianti inseriti nell'osso. Si distingue dalle protesi dentarie mobili per l'impossibilità di rimuovere la protesi dal cavo orale poiché cementata ai denti naturali del paziente.

Il clinico può ricorrere a varie modalità riabilitative: dalle più semplici, come la protesi rimovibile ad appoggio mucoso, a quelle più complesse, come la riabilitazione fissa con corone che ricoprano i monconi naturali.

Naturalmente nella nostra bocca non è presente il metallo. Perché utilizzarlo quando sono disponibili materiali con caratteristiche di durezza e resistenza paragonabili al dente naturale e dotati di una migliore biocompatibilità?
I materiali messi a disposizione dalla ricerca e resi oggi disponibili con le nuove tecnologie a supporto delle metodiche riabilitative classiche, rappresentano la più recente innovazione in odontoiatria protesica.

Questi materiali, oltre alla garanzia di durata, offrono il vantaggio di emulare il colore e la luminosità del dente al punto di essere indistinguibili dal dente naturale e soprattutto di essere estremamente biocompatibili.

L'assenza di metalli nelle protesi metal-free permette di rispettare i tessuti circostanti evitando l'effetto di colorazione e di retrazione delle gengive, facilita l'integrazione e favorisce la crescita del tessuto gengivale conferendo al restauro un aspetto più naturale, in armonia con i tessuti circostanti.

In qualsiasi riabilitazione protesica, sia limitata ad un settore del cavo orale, che estesa alla bocca intera, risulterà di importanza fondamentale per il mantenimento nel tempo dei restauri realizzati, un periodico e scrupoloso monitoraggio della riabilitazione eseguita, così come un attento e sistematico controllo dell’igiene orale del paziente. Gli enormi progressi dell'odontoiatria abbinata a professionisti e tecnici che investono centinaia di ore all'anno in aggiornamenti ci permettono di proporre tutte le soluzioni necessarie per avere pazienti sani e felici. In caso di perdita di uno o più denti, fino a casi di riabilitazione complessa, siamo in grado di fornire soluzioni personalizzate in base alle tue esigenze e aspettative. Nello studio del Dott. Cinquerrui sono presenti professionisti assolutamente all'avanguardia nel riabilitare le bocche dei pazienti con protesi mobili.

IMPLANTOLOGIA A CARICO IMMEDIATO

L'obiettivo di tornare a sorridere in poche ore. L'implantologia a carico immediato è la innovativa tecnica implantare che permette il posizionamento immediato della protesi sugli impianti senza dover attendere mesi, come spesso accade con il metodo tradizionale.

Particolarmente adatta ai casi di estesa mancanza di denti, mobilità dentale e parodontite, la tecnica consiste nell'inserimento di quattro o sei impianti nell'arcata inferiore o superiore, sui quali viene fissata la protesi.

In poche ore di intervento è possibile tornare a sorridere, grazie all'inserimento di protesi dentarie provvisorie fisse o rimovibili, parziali o totali, che consentono di evitare la classica protesi mobile.

Parodontologia

 

Il parodonto è quell’insieme dei tessuti molli quali gengiva e legamento parodontale e dei tessuti duri quali osso alveolare e cemento radicolare che, nel loro insieme, rappresentano i tessuti di sostegno del dente assicurandone la stabilità.

Non è improprio sostenere che la parodontologia è la branca fondamentale dell’odontoiatria poiché non c’è salute della bocca se non attraverso i principi promossi dalla parodontologia e non può esserci un buon esito delle cure odontoiatriche se non eseguite nel rispetto e in funzione del parodonto.

L'obiettivo è di preservare e curare la salute dei tessuti che sostengono il dente.
Generalmente i sintomi sono evidenti solo quando la malattia è in stadio avanzato, ossia quando si presentano il sanguinamento delle gengive e la mobilità dentale.
Mentre la gengivite è un’infiammazione che riguarda solo la gengiva portando al sanguinamento, la parodontite è, al contrario, una patologia che danneggia l’osso. Infatti, la malattia parodontale, se non trattata adeguatamente, può portare alla perdita di osso alveolare e di legamento parodontale (che tiene unito il dente all'osso), con la conseguente comparsa di mobilità dentaria.

A differenza della gengivite da cui si può guarire, la malattia parodontale, una volta instaurata, si può solo bloccare senza recuperare l’osso. A tal fine è fondamentale una diagnosi precoce e avviare rapidamente il trattamento che non è assolutamente doloroso.
La Gengivite si cura con l’eliminazione dei fattori causali (placca batterica e tartaro).
Contrariamente la Parodontite si blocca innanzitutto con la corretta igiene orale, quindi con la levigatura delle radici, con la Detartrasi, con la Chirurgia parodontale, gli antibiotici e gli antisettici.

Le visite periodiche previste nel piano di trattamento sono fondamentali per il successo a lungo termine. La manutenzione, infatti, è importante quanto il trattamento.

Le gengiviti sono quelle affezioni che interessano la gengiva marginale e si caratterizzano per arrossamento del margine gengivale, sanguinamento spontaneo e/o al sondaggio, edema e gonfiore.

Le parodontiti sono dovute a infezioni polibatteriche specifiche che provocano una forte infiammazione locale che se persistenti nel tempo portano al danneggiamento fino alla distruzione irreversibile del parodonto e con la conseguente perdita degli elementi dentali.

Esiste quindi una risposta individuale legata a fattori genetici tant’è vero che spessissimo si evidenziano persone affette dagli stessi disturbi all’interno della stessa famiglia e che si ripetono nelle generazioni successive (genitore –figli). Questo non va inteso come fattore di ereditarietà ma più semplicemente come una familiarità.

Quando un paziente soffre di malattia parodontale, si raccomanda di far visitare l’intera famiglia in modo da valutare l’eventuale predisposizione genetica.

Le conseguenze della malattia parodontale possono così riassumersi:

  • Perdita dei denti;
  • Perdita di gengiva;
  • Malattie cardiovascolari incluso l’infarto del miocardio.
  • Problemi muscolari.
  • Problemi articolari.
  • Rischio di parto prematuro e neonati sottopeso (se in gravidanza).
  • Problemi con altri organi.

Una corretta igiene orale permette di prevenire efficacemente lo sviluppo dei batteri responsabili dell'infezione del Parodonto e contrastare i fattori che possono concorrere allo sviluppo della parodontite.

Possiamo aiutarvi a prevenire l'insorgenza dei disturbi parodontali.

Nello studio ci occupiamo di tutti i problemi gengivali e ossei, dai casi più semplici a quelli più complessi. Utilizziamo tecniche non chirurgiche quando possibile (levigatura radicolare), e tecniche chirurgiche parodontali (rigenerazione di osso, rimodellamento per correggere tasche malate, correzioni di difetti gengivali alla presenza di recessioni e sensibilità, ecc).

Numerose sono le situazioni in cui una diagnosi parodontale ben fatta all'inizio permette di evitare problemi, stabilizzare i denti mobili e conservare i propri denti per tutto il tempo possibile.

I nostri protocolli di lavoro sono quelli della Società Italiana di Parodontologia, che è collegata alle più importanti Società Scientifiche internazionali.

Con un'accurata visita specialistica e con l'ausilio di un opportuno esame radiologico sarà possibile valutare il grado di salute delle vostre gengive.

Chirurgia

Mettiamo a disposizione tutti i criteri scientifici e clinici rigorosamente supportati dalla prassi odontostomatologica per un approccio aggiornato e biologicamente guidato alla Chirurgia orale.

La chirurgia orale comprende tutta una serie d’interventi chirurgici che hanno il compito di rimediare situazioni anatomiche sfavorevoli e irreversibili. Infatti, quando la terapia paradontale o endodontica ortograda si rivelano inefficaci per la guarigione del dente, oppure per rimuovere condizioni patologiche o correggere cause che impediscono un corretto equilibrio fisiologico o biomeccanico od estetico. La maggior parte degli interventi vengono eseguiti in anestesia locale e solo raramente in sedazione.

Gli interventi di chirurgia orale interessano:

  • Estrazione di un dente irrecuperabile;
  • Disinclusione di denti ritenuti, che in seguito saranno riposizionati ortodonticamente nella loro posizione naturale;
  • Estrazione di denti inclusi,
  • Rimozione di formazioni cistiche, che possono interessare sia le strutture ossee sia i tessuti molli;
  • Endodonzia retrograda, apicectomia
  • Rimozione di esostosi con successivo rimodellamento osseo della mandibola e del mascellare superiore;
  • Rimozione di piccole formazioni tumorali del cavo orale.

Il campo di applicazione più noto della chirurgia orale è l’estrazione dei denti del giudizio o “ottavi” e di tutti quei denti come i terzi molari, che spesso non riescono a venir fuori in maniera naturale per mancanza di spazio o a causa di posizione scorretta. Questo fenomeno prende il nome di disodontoiasi e, oltre a caratterizzare i già citati denti del giudizio e terzi molari può interessare canini e secondi molari superiori e la dentatura decidua.

Estrarre i denti è spesso necessario per avere uno stato di salute perfetto della bocca e spesso è preso in considerazione l’intervento di chirurgia orale in ottica preventiva e, ovviamente, curativa.

Oltre che per le estrazioni dentali nel nostro studio di Milano s’interviene chirurgicamente sulle cisti, per rimuovere frenuli labiali superiori e inferiori (frenulectomia) che, quando anomali, causano diastema, cioè presenza di spazio tra gli incisivi. L’intervento si rende necessario anche per allungare fornici per la stabilizzazione delle protesi, per rimuovere tessuti patologici e per eseguire biopsie.

Spesso si rende necessario l’intervento della chirurgia orale in supporto a trattamenti di altre specialità come la parodontologia quando diventa necessario rimodellare l’osso o intervenire sull’estetica e sull’ipersensibilità delle gengive, o l’implantologia per innesti ossei o rialzi del seno mascellare, oppure quando si deve allungare una corona o curare delle carie profonde insieme ad altri interventi di odontoiatria conservativa.

CINQUERRUI STUDIO DENTISTICO | 52, Via Ammiraglio Caracciolo - 95123 Catania (CT) | P.I. 05121200876 | Tel. 095 6785707   - Cell. 340 9716910 | psodontoiatrico@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy